consumatori

Inflazione, a Cremona rincari boom della frutta, crolla l’istruzione
Inflazione pesante, ma Cremona fa meglio dell’Italia: qui infatti a maggio il rialzo è stato dello 0.9% rispetto all’1,1% nazionale. Su base mensile, 0,3 contro lo 0,5% nazionale. Il rincaro maggiore ha riguardato la frutta (19,7%), crollo nell’istruzione universitaria (-39,3%).
Inflazione in ripresa: a Cremona male l’aereo, bene l’Università
L’inflazione riprende la sua corsa: a Cremona +0,5% su base mensile (peggio dello 0,4 nazionale) e +0,7% su base annua (meglio dello 0,9 nazionale). Tra i comparti, crollo nell’istruzione (-13,8%), +3% per alcool e tabacchi. Sulle singole voci, male gli aerei e bene l’Università.
Inflazione: a Cremona più cari trasporti e cultura, in calo l’istruzione
Nel gennaio 2018 i comparti che a Cremona hanno subito il rincaro maggiore su base annua sono trasporti, spettacoli e cultura (+1,5%), calo record invece per l’istruzione (-13,8%). Circa i singoli prodotti, in rialzo olii e grassi (+9,2%), crollo dell’istruzione universitaria (-39,3%).
Inflazione: a Cremona pesanti rincari per i beni di prima necessità
Se a settembre in Italia l’inflazione ha frenato ed ha registrato un 1,1%, ancor di più a Cremona, dove si è attestata alle 0,8%. Purtroppo, però, all’ombra del Torrazzo, i rincari maggiori rispetto ad un anno fa li hanno subiti i beni di prima necessità, come casa, utenze e alimentari.
Acqua, sempre più cara
Pubblicato il nuovo dossier di Cittadinanzattiva sui costi del servizio idrico integrato relativi al 2015. Acqua sempre più costosa: a Cremona incremento del 15,1%. Dal 2007 ad oggi divario del 51%. Ecco cosa paga all’anno ogni famiglia