mafia

‘Ndrangheta: confermate a Brescia le condanne del processo Pesci
Sostanzialmente confermate dai giudici di Brescia – nell’ambito del processo Pesci, costola della più famosa inchiesta Aemilia – le 9 condanne emesse in primo grado, relative ad infiltrazioni mafiose nel tessuto imprenditoriale cremonese e mantovano. Ecco com’è andata.
Impennata nelle estorsioni a Cremona, la mafia preoccupa sempre più
Ne esce con le ossa rotte Cremona dal II Monitoraggio della presenza mafiosa in Lombardia, presentato ieri in Regione. Coinvolti i settori dell’edilizia, del traffico di rifiuti e del gioco d’azzardo. Vera e propria impennata nelle estorsioni, da noi + 74,4% in soli sei anni.
Denunce per estorsione: a Cremona + 375% in 5 anni
Clamoroso, nel giro di 5 anni le denunce per estorsione a Cremona sono aumentate del 375%: lo ha rivelato un dettagliato studio, condotto dalla Cgia di Mestre ed appena diffuso, su dati del periodo 2010/2015. Una piaga sintomatica del fenomeno mafioso in zona.
Circa in 500 alla XXII Giornata in ricordo delle vittime di mafia
Circa in 500, prevalentemente studenti, al corteo, svoltosi questa mattina dalla stazione al cortile Federico II lungo le vie del centro, per la XXII Giornata in ricordo delle vittime di mafia. Un gesto significativo a Cremona, dove forte è l’incidenza della ‘ndrangheta.
Mafia a Cremona: 25 anni dopo ancora punto e a capo?
Risalgono a 25 anni fa le prime notizie sulla mafia a Cremona.10 anni fa, come oggi, la sentenza definitiva sul duplice omicidio delle Colonie Padane. Ed ora, dopo i dubbi sull’Expo, il deputato Toninelli deve ancora chiedere allo Stato più controlli. Un triste “anniversario”…
STORIE DAL NOSTRO PIATTO, LA FILIERA DEL CIBO E IL CONTRASTO ALL’AGROMAFIA
Che cosa mangio? Chi lo produce e come? Domande che dovremmo porci tutti perché non è solo una questione di salute, ma di sicurezza a 360° gradi. Ancora troppo ampi infamo sono gli spazi di azione che le agromafie hanno nella filiera agroalimentare. Se ne è parlato oggi all’ITIS Torriani di Cremona con Gan Carlo Caselli.