polveri sottili

Smog: Cremona pensa al Coronavirus, però le pm10 sono alle stelle
Tutta l’attenzione generale è calamitata dal Coronavirus. E così in questi i giorni non si parla nel territorio cremonese della situazione dell’aria. L’inquinamento infatti, anche favorito dalla persistenza del caldo e del bel tempo ha provocato un’impennata delle polveri sottili
Smog: polveri quasi al doppio del limite. Da oggi nuove limitazioni
Attive da oggi, martedì 28 gennaio, le misure temporanee di primo livello per il contrasto all’inquinamento atmosferico. Dai dati trasmessi ieri nella provincia di Cremona, è stato rilevato che domenica è avvenuto il superamento per il quinto giorno consecutivo
Smog, la qualità dell’aria è tornata scarsa: speriamo nel maltempo
Bassa pressione in arrivo e meno male. Perché qui primavera e bel tempo saranno anche esplosi, ma la qualità dell’aria ne ha risentito ed è tornata ad essere scarsa nel fine-settimana con le Pm10 già sopra il valore limite e le Pm2.5 in progressivo aumento.
Pm10, è sempre emergenza: di nuovo al via le misure temporanee
Al via da oggi le misure temporanee di primo livello per il contrasto dell’inquinamento atmosferico: lo ha disposto la Regione, in base ai dati trasmessi da Arpa Lombardia, dati che hanno indicato per 4 giorni consecutivi il superamento della soglia limite per le Pm10.
Smog, Pm10 alle stelle: scattano da oggi le misure di primo livello
Come volevasi dimostrare: il fatto che a Cremona per sei giorni consecutivi si sia sforata la soglia limite delle Pm10, peraltro con valori quasi doppi, ha fatto scattare da oggi le misure temporanee antismog di primo livello anche a Cremona, a Lodi, Mantova e Pavia.
Inquinamento, guerra di cifre tra Legambiente e Regione Lombardia
Dopo il dossier Mal’Aria di Legambiente che fotografa una situazione da codice rosso nel italia e a Cremona, arriva la replica in cifre di Regione e Arpa Lombardia che parlano di un trend di miglioramento nella qualità dell’aria. L’assessore Cattaneo: “Serve giudicare scientificamente i dati sulla qualità dell’aria e, eventualmente, a contestarli nel merito e nel metodo”.
Aria avvelenata, polveri sottili tre volte oltre i limiti
Pm10 e pm2.5 (il particolato sottilissimo e quindi ancora più dannoso per la slaute) a concentrazioni elevatissime a Cremona e Pianura Padana dove l’inquinamento è ercepito nitidamente respirando per strada. Inatanto ARPA Lombardia lancia l’appa con la possibilità di monitorare la qualità dell’aria.